Chicago Fire: Taylor Kinney parla della nuova storia d’amore di Severide, ‘Adesso fa sul serio’!

L’attore di Chicago Fire parla ai microfoni di The Hollywood Reporter di quanto Anna (Charlotte Sullivan) abbia cambiato Severide e anticipa una new entry nel drama della NBC.

Dopo 5 stagioni di morti, addii e molte ‘rotture’ tra i Dawsey, l’unica costante per i telespettatori rimaneva la movimentata vita sentimentale di Severide.

Il tenente della caserma 51 è sempre stato conosciuto per i suoi modi da playboy, passando da una fiamma all’altra alla velocità della luce. Ha anche avuto un matrimonio (per poco tempo) durante la terza stagione, con una ragazza che aveva appena conosciuto a Las Vegas. ( Inutile dire che il matrimonio non è durato)

In ogni caso, la quinta stagione del famoso drama della NBC ha visto un grande cambiamento in Severide. Dopo una crisi esistenziale, Severide ha deciso di donare il suo midollo osseo ad un infermiera di nome Anna che stava combattendo contro il cancro. I due si sono conosciuti, sono volate le scintille, le ha salvato la vita e Anna nel frattempo si è trasferita da Springfield a Chicago per essere più vicina a lui.Possiamo dire ufficialmente addio ai giorni bui per Severide?

“E’ un qualcosa che getterà delle basi,” afferma Taylor Kinney a The Hollywood Reporter.
“Questo legame è piuttosto intimo”.

THR ha parlato con Taylor Kinney riguardo a come Anna ha aiutato Severide ad ‘evolversi’,  come il ritorno di suo padre scuoterà un po’ le cose e molto altro.

Perchè pensi che sia arrivato il momento giusto per una relazione importante per Severide?

Sinceramente, penso che abbia a che fare con il matrimonio di Dawson e Casey. Severide è stato presente in tutto e ha visto cosa hanno dovuto affrontare, prove e sofferenze comprese di un rapporto che dura ormai da anni. Lui è sempre stato un po’ un donnaiolo invece e per questo non è mai riuscito a sistemarsi. Quando poi si è trattato di qualcuno a cui tenesse particolarmente, capisce, “OK, forse dovrei fare un tentativo come ogni relazione che si rispetti.” Il tempismo era perfetto, ha avuto un sacco di alti e bassi durante il corso delle stagioni ma adesso credo sia arrivato il momento di fare sul serio. Come ho già detto prima, il tempo è dalla sua parte e fa anche da buon catalizzatore per cercare di avere un rapporto profondo e onesto.

In qualità di attore, com’è stato immergersi in un altro lato di Severide?

E’ stato bello. Gli autori hanno proposto un sacco di nuove idee e nuove cose per il mio personaggio, e poi a me piace cambiare… ora che Casey è sposato, non so se Severide nelle sue stesse condizioni avrebbe avuto una storia d’amore come la sua. Sarebbe stato comunque interessante se tutti e due fossero stati sulla stessa strada anni fa. Come attore mi è piaciuto davvero poter lavorare con qualcuno per così tanto tempo e non solo per poche settimane; conoscere nuovi lati di un personaggio, raccontare delle belle storie sullo schermo – è esattamente così che mi piace lavorare.

Come pensi che il personaggio di Anna possa far uscire fuori un nuovo lato di Severide?

Lei lo tiene d’occhio. Lo aiuta a maturare e a fargli capire cosa realmente vuole dalla vita e perché. Severide aveva ricevuto una promozione a Springfield per puro caso, anche se credo che questo abbia reso tutta la faccenda molto più affascinante. Nel profondo del suo cuore però, ha sempre pensato, “Chicago è la mia casa, a me piace fare il tenente ed è qui che voglio stare” non che gli dispiacesse essere capo, ovviamente. Così ha deciso di fare un passo indietro e ritornare, ma a quel punto è proprio Anna che finisce per trovare lavoro a Chicago; è stato un bel modo per andare avanti e permettere a questo rapporto di evolversi.

Ritornerà anche il padre di Severide, Benny (Treat Williams). Che cosa puoi dirci a riguardo?

Benny tornerà, farà di nuovo capolino.(Ride). Se devo essere sincero, lui lo aiuterà molto con la faccenda di Anna e a prendere una decisione a riguardo, “Gli darà qualche consiglio amoroso, nonostante il suo passato sia stato un po’ movimentato”. Severide rivede in suo padre, tutte quelle cose che non vuole e questo gli permetterà di capire quello che realmente cerca da questa relazione. Vuole che questa volta sia diverso, vuole che funzioni. Vuole cambiare e andare avanti con questa donna e soprattutto non vuole passare tutta la sua vita ad andare avanti e indietro, come ha fatto suo padre.

Hai parlato dell’importanza di differenziare il personaggio. Che cosa intendi? Quali sono state le conversazioni tra te e gli autori?

I nostri showrunners, Micheal Brandt e Derek Haas insieme a tutto lo staff degli autori, sono davvero fantastici. Mi fido dei loro istinti per quanto riguarda quello che scrivono e nel caso in cui avessi dei problemi, delle preoccupazioni oppure delle idee sul mio personaggio, ho la loro attenzione e ovviamente il numero di cellulare. Non ho mai detto, ” Non sono d’accordo su questo” anzi di solito dico, “Ehi, questa mi sembra buona” oppure, “Qui possiamo fare questa cosa?”, “Come pensi di andare avanti?”. Mi piace essere coinvolto.

Un nuovo personaggio entrerà a far parte dello show come guest star, ed è interpretato da Kamal Angelo Bolden. In che modo pensi possa cambiare la dinamica dello show?

Il mio personaggio non ha interagito molto con il suo. Lui fa parte di un altra caserma ed è un vecchio amico di Casey. Durante un intervento si incontrano e succede un po’ una catastrofe: qualcuno della sua caserma rimane ferito. Va da Casey per un consiglio su come superarla e salta fuori la proposta, se ci fosse un posto libero alla 51 verresti? Quindi penso che ne vedremo delle belle su questo personaggio.

Stai per terminare le riprese della 5° stagione. Come ci si sente ad andare incontro a una sesta con 100 episodi alle spalle?

E’ difficile vedere il quadro intero delle cose. Probabilmente dopo una pausa potrei fare un passo indietro e cercare di farmi un’idea generale. Ripensando a quando tutto è iniziato tanto tempo fa e che  al contrario di molti show che non hanno nemmeno visto la luce del giorno dopo il pilot, noi siamo stati molto fortunati. Abbiamo lavorato, abbiamo faticato per fare 13 episodi ma poi abbiamo iniziato a prendere il ritmo e ad andare in onda, fin quando non abbiamo trovato il nostro equilibrio e cominciato a capire quali fossero le cose che funzionavano e quali no. Non avevamo delle garanzie almeno fino a metà stagione. Poi lo abbiamo capito. Mi ricordo quando John Roman, il nostro produttore esecutivo della prima, seconda e terza stagione, riagganciato il telefono e radunato il cast e la crew disse, “Ragazzi, siete stati scelti per una seconda stagione”.Quello è stato uno tra i momenti più belli della mia carriera. Era la conferma che la gente aveva visto lo show ed era piaciuto.

Andando avanti con gli spin-off, le cose sono diventate un po’ frenetiche ma mentre era sulla scena stava guardando un poster con tutto il cast di Fire, P.D e Med e si rende conto di quanto siano cresciuti un po’ alla volta, arrivando quasi a 50 personaggi – ‘One Chicago’, dice. “Vedere questo poster – ora c’è anche Justice – è qualcosa di inspiegabile”. “Sono molto fiero e onorato di farne parte”.

Fonte

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: