Marvel’s INHUMANS: Ecco una prima occhiata!

Questo autunno, la Marvel proverà a fare qualcosa che pochi pensavano fosse possibile: dopo aver rimandato il film Inhumans innumerevoli volte (originariamente sarebbe dovuto andare in onda nell’estate del 2019), il superstudio porterà Marvel’s Inhumans alla vita sulla ABC e — in modo più limitato — anche sul grande schermo. EW è riuscito ad ottenuto qualche informazione in proposito.

Per chi non li conosce, gli Inhumans — introdotti per la prima volta nelle pagine dei Fantastici Quattro nel 1965 prima di ottenere un loro titolo nel 1975 — sono ibridi alieni-umani che sono andati incontro alla ‘terrigenesi’, un processo che ha sbloccato in loro alcuni strani e unici poteri. “Era una proposta eccitante” ha detto lo showrunner Scott Buck (Iron Fist) a proposito delle sfide rappresentate dalla serie, che includono alcuni effetti speciali amati dai fan come Medusa (Serinda Swan) e i suoi capelli, e il bulldog Lockjaw, in grado di teletrasportasi. Ma Buck ha sottolineato che non sarà qualcosa di esageratamente stravagante. “I nostri personaggi sono persone reali che si ritrovano a possedere queste abilità, quindi sono tutti con i piedi per terra”.

Al centro dello show – che sarà ambientato sulla Terra e nella città tecnologicamente avanzata degli Inhumans, Attilan – c’è la Royal Family, che affronta un momento critico, in cui tutto quello che hanno sempre saputo è a rischio. Gli Inhumans sono guidati da Black Bolt (Anson Mount), i cui poteri distruttivi vengono scatenati dall’uso della sua voce. “è un po’ difficile sviluppare il suo personaggio, perchè Black Bolt non parla, ma è il nostro eroe ed è al centro dello show, quindi una delle sfide è proprio decidere come raccontare la storia” ha detto Buck. Mount ha rivelato che Black Bolt userà il linguaggio dei segni, scegliendo attentamente cosa dire quando parla.

Pur non essendo uno spin-off di Marvel’s Agent of S.H.I.E.L.D., entrambi gli shows dell’ABC condividono un mondo con il resto dell’universo della Marvel. “Le cose che sono accadute in S.H.I.E.L.D. potenzialmente influenzeranno anche il nostro show” ha detto Buck, lasciando aperta la possibilità di crossover. Ma Inhumans è fatto per esistere da solo, lasciando da parte gli elementi procedurali delle spie per un family drama.

Nei fumetti, Black Bolt combatte per tenersi stretta la corona, mentre suo fratello Maximus (interpretato qui dal cattivo di Game of Thrones Iwan Rheon) cerca di usurpare il suo potere. “Siamo contentissimi di avere Iwan con noi” ha detto Buck “Non volevamo creare un cattivo che è tale solo per il gusto di esserlo. Il nostro Maximus è una versione diversa, più complicata, più reale e più coinvolgente”.

Inhumans è stato girato interamente con telecamere digitali IMAX per la messa in onda sul grande schermo dei primi due episodi che compongono la premiere (il 1° settembre), prima del debutto sulla ABC questo autunno. “I primi due episodi sembrano un film, perchè grazie ad IMAX abbiamo avuto più libertà, e questo ci ha incoraggiato a pensare più in grande di quanto avremmo fatto se si fosse trattato solo un normale show del network” ha detto Buck. Possiamo tranquillamente dire che Inhumans è tutto fuorchè normale.

Di seguito trovate l’intervista di EW con Buck e una prima immagine della Royal Family. Da sinistra: Eme Ikwuakor nei panni di Gorgon, Ken Leung di Karnak, Anson Mount di Black Bolt, Serinda Swan di Medusa, Isabelle Cornish di Crystal, e Iwan Rheon di Maximus.

PROJECTNEXT_146217_0232_v4a.JPG

Inhumans è un fumetto che, anche se bellissimo sulla carta, sembra quasi impossibile da portare sullo schermo. Quanto è stato spaventoso accettare il ruolo di showrunner?

In realtà è stata una proposta eccitante. Avevo appena finito Iron Fist e volevo prendermi un po’ di tempo libero. Poi Jeph Loeb mi ha chiamato e mi ha proposto l’idea degli Inhumans, di fare uno show su questa famiglia. Abbiamo parlato di ogni singolo personaggio, di chi sono, delle loro personalità, dei loro percorsi. Il mio approccio parte sempre dai personaggi – cosa possiamo dire su Black Bolt, Medusa e su tutti gli altri membri della Royal Family? Avrebbe potuto intimorirmi, ma penso che più di ogni altra cosa mi eccitava l’idea di lavorarci su.

Ci sono altre storylines dei fumetti che ti hanno ispirato? 
Ero curioso di vedere quali fossero le loro origini, quindi ho iniziato proprio dall’inizio. Ovviamente se andate a vedere i fumetti dei primi anni ’60, il tono è molto diverso da quello che quello che stiamo facendo. è stato divertente vedere come è iniziato tutto, ma ho continuato ad andare avanti. Non li ho letti tutti, però continuo a sfogliarne alcuni. Ci sono state così tante incarnazioni diverse degli Inhumans, quindi il problema era più che altro cercare di capire quale storia volessimo raccontare. Andare indietro e scoprire il loro passato è stato molto utile, ma da lì siamo semplicemente andanti avanti.

Pensate di addentrarvi negli elementi fantastici dei poteri degli Inhumans, oppure state cercando di rimanere con i piedi per terra? 
In una certa misura sì, ma di nuovo, parliamo di questi personaggi come di persone reali a cui è capitato di avere questi poteri, quindi sono tutte persone decisamente con i piedi per terra. Cerchiamo di renderli il più realistici possibili, e di divertirci con i poteri quando possiamo. Vogliamo che i loro poteri sembrino una parte naturale della loro personalità.

Ci puoi dire qualcosa a proposito della storia che vedremo con Black Bolt e la Royal Family?
In pratica parliamo di una famiglia che si ritrova ad un punto critico. Quando li incontriamo, scopriamo che tutto quello che hanno sempre conosciuto è in pericolo.

Ci puoi dire dove è ambientato lo show, sulla Terra o su Attilan?
Penso su entrambi.

Attilan si muove, quindi è sulla Terra nella storia? 
Non quando andiamo ad Attilan, no.

Gli Inhumans vivono nello stesso universo in cui è ambientato Marvel’s Agents of S.H.I.E.L.D., considerando che sulla Terra c’è stata questa esplosione di Inhumans?
Abitiamo tutti nello stesso universo, quindi le cose che sono accadute in S.H.I.E.L.D. probabilmente avranno un effetto anche sul nostro show.

Avete pensato ai crossover? 
Non ancora. [Ride] Stiamo ancora cercando di lanciare questa cosa.

Uno show come S.H.I.E.L.D. è tipicamente procedurale. Anche Inhumans sarà così o vedremo un altro tipo di storia? 
Non penso sarà uno show procedurale sotto nessun aspetto. Sarà più un family drama con una grande storia che ci guida nel corso della stagione.

In che modo pensi che Inhumans sarà diverso da altri progetti della Marvel di ABC o Netflix?
Non mi sento molto a mio agio a confrontarlo con altri shows. Penso che abbiamo creato una cosa tutta nostra qui. Ma avendo lavorato su uno show Marvel di Netflix, ovviamente sono consapevole di dove andremo a parare. Ancora una volta, dato che l’approccio è strettamente attraverso i personaggi, vogliamo creare un mondo interessante con persone interessanti che ci fanno immergere nello show, e quindi se ci sono alcune somiglianze con altri show in questo senso, penso sia questa la ragione.

Cosa ha significato per voi il rilascio con IMAX nel corso della produzione? Sembra un film in un certo senso? 
Sì, direi che i due episodi sembrano un film, perchè in questo modo abbiamo avuto più libertà, e siamo stati spinti a pensare più in grande di quanto avremmo fatto se si fosse trattato solo di un normale show del network. Volevamo pensare più in grande di quanto potevamo vedere, e a proposito della presentazione di questi personaggi al pubblico.

Cosa sperate di ottenere con il rilascio IMAX?
Speriamo semplicemente di entusiasmare moltissimo le persone. Penso sia qualcosa che è tranquillamente a sè stante, ma speriamo che incuriosisca la gente tanto da far sì che vogliano vedere il resto dello show.

Passando ai personaggi, Black Bolt è lo stoico leader nei fumetti. Come verrà reso sullo schermo? 
Black Bolt è un personaggio molto difficile, non solo per Anson, ma per chiunque attore. Anson però lo interpreta in modo fantastico. è un po’ difficile scriverlo, perchè Black Bolt non parla, ma è il nostro eroe ed è il fulcro dello show, quindi ci sono delle sfide da affrontare in termini di come raccontare la sua storia, ma fortunatamente abbiamo scritto una bella storia. Anson è bravissimo. Penso che tutti saranno soddisfatti ed eccitati da questo Black Bolt. Se leggete i fumetti, vedete che Black Bolt trova un modo per comunicare con le persone, ma è un personaggio molto enigmatico, e si tiene dentro molte cose. La parte più affascinante di lui è che spesso non sappiamo cosa sta pensando.

Cosa ha reso Iwan Rheon il perfetto Maximus?
Siamo stati contentissimi di avere lui perchè è un attore molto talentuoso. Ovviamente lo conoscevamo molto bene grazie a Game of Thrones, ma lui può fare molto più quello. Non volevamo creare un cattivo che è tale solo per il gusto di esserlo. Lui è un personaggio molto reale, a tre dimensioni. Iwan è decisamente in grado di interpretarlo. Ogni volta che lo vediamo lavorare, siamo sempre più eccitati di cosa sta portando sullo schermo.

Ci aspettiamo tutti che questo personaggio sia un cattivo, oppure ci stupirete in qualche modo?
Penso che il nostro Maximus sia una versione diversa, più complicata, più reale e più coinvolgente di quella che abbiamo visto nella maggior parte dei fumetti, e questo perchè abbiamo avuto la possibilità di fare molto più sul grande schermo di quanto sia possibile fare in un fumetto.

Quanto è stato difficile dare vita ai capelli di Medusa?
Molto. Anche adesso, è ancora un lavoro in corso. Ci va parecchio tempo per far sì che l’effetto funzioni. Alcuni dei migliori nel campo degli effetti speciali lavorano con noi. Non abbiamo ancora visto la versione finale, ci stiamo ancora lavorando su.

Ci sono dei personaggi in motion capture come il simil-pesce Tritone?
Oh no, sono tutti attori.

Un altro personaggio che siamo curiosi di vedere è Lockjaw.
Lockjaw probabilmente finirà per diventare il personaggio preferito del pubblico. Di sicuro adoriamo lavorare con lui; è divertente da scrivere, da girare. Non posso dire molto altro, ma spiccherà nello show.

Non sappiamo praticamente nulla del personaggio di Ellen Woglom.
Non è presente nei fumetti, è un personaggio nuovo che abbiamo introdotto.

Marvel stava programmando un film di Inhumans, che poi è stato ritardato. Questo dovrebbe essere una sorta di prequel al film? Come sono collegate le due cose? 
Non so nulla del film o di qualunque altro progetto oltre a questo. Qualcuno alla Marvel potrebbe avere un’idea di cosa sta succedendo, ma non io, io lavoro solo su questa serie tv e non ho alcun legame con nessun film.

Qual è la cosa che ti rende più nervoso nel lavorare a questo show?
Bè è una cosa grande. Sono abituato – ed è quello in cui sono più bravo – a lavorare su personaggi minori. Questo è uno show in cui devo spingermi oltre e pensare più in grande, quindi è una grande sfida per me.

I primi due episodi di Marvel’s Inhumans andranno in onda con IMAX per due settimane a partire dal 1° settembre. La ABC poi manderà in onda tutta la stagione in autunno, con contenuti esclusivi che potranno essere visti solo sul network.

FONTE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: